Centro riabilitazione
Roma Prati

TERAPIA RIABILITATIVA

Abbiamo Eliminato i Tempi d’Attesa. Contattaci!


La Terapia Riabilitativa comprende le tecniche e i movimenti che portano il paziente, accompagnato dal fisioterapista, a recuperare
al meglio la propria forma fisica. Per comodità possiamo distinguerla in:


TERAPIA RIABILITATIVA POST-TRAUMATICA 

Come in caso di distorsioni, fratture, ecc.

TERAPIA RIABILITATIVA POST-CHIRURGICA

In tutti i casi di intervento chirurgico per patologie correlate a: 

Lesioni di tendini e legamenti di spalla, ginocchio, mano, piede; Protesi di anca, ginocchio, spalla; 

Fratture in genere trattate chirurgicamente; Esiti di chirurgia vertebrale.


RIABILITAZIONE SPORTIVA

In tutti i casi di cui sopra ma correlati all’ambito sportivo sia amatoriale che agonistico.
Particolari esigenze legate alla performance e al gesto atletico dello sportivo ci spingono a porre particolare attenzione a questo tipo di pazienti
che necessitano di tornare alle attività agonistiche rapidamente, evitando cali di prestazioni altrimenti insormontabili.


RIEDUCAZIONE FUNZIONALE 

In tutti i casi in cui i pazienti lamentino patologie che portano ad una limitazione del movimento e della propria qualità di vita, ad esempio:

Periartrite scapolo-omerale; Epicondilite; Fascite plantare; Contratture muscolari in presenza di rachialgia.

Info e contatti

Per info e appuntamenti  il nostro centralino è a tua completa disposizione dal lunedì al venerdì, dalle 08.15 alle 12.15 e dalle 14.00 alle17.30, ai numeri: 06.321480106.3214904 o in alternativa puoi inviarci una email all'indirizzostaticroma@msn.com

CRIOTERAPIA

COS'È LA CRIOTERAPIA?

Si tratta di un sistema terapeutico a doppia componente, Ipertermica e Criogenica:

La funzione IPERTERMICA è in grado di generare calore endogeno con conseguente sensibile e rapido innalzamento della temperatura locale da +22°C fino ad un massimo di 41° C. La funzione CRIOGENICA, regolabile tra +8° C e -18° C, è in grado di sottrarre calore anche agli strati profondi dei tessuti con un sistema esogeno. Le due componenti, somministrate in sequenza, secondo precisi protocolli terapeutici, producono un effetto di SHOCK TERMICO localizzato e profondo.

IPOTERMIA

Principali effetti dell’ipotermia o criogenia (raffreddamento):

Antiflogistico: dovuto al rallentamento del metabolismo cellulare;
Antiedemigeno: correlato all'azione antiflogistica e alla vaso-costrizione, che limita lo stravaso ematico dei tessuti; 

Antalgico: inibisce le terminazioni nervose, rallenta la conduzione nervosa degli impulsi algogeni e riduce i fenomeni flogistici locali;

Miorilassante: il freddo riduce il tono muscolare e la spasticità.

L'applicazione del freddo è indicata in quegli stati infiammatori acuti originati da:lacerazioni e contusioni dei tessuti molli; distorsioni e stiramenti muscolari, tendinei e legamentosi; fratture; mialgie e spasmi muscolari.

La riduzione o l'azzeramento del dolore è quasi immediato e consente, alla maggioranza dei pazienti, un beneficio immediato e piuttosto duraturo.

IPERTERMIA

Principali effetti dell' ipertermia (riscaldamento): il caldo aumenta l'elasticità tessutale; molto efficace sugli edemi da stasi venosa e linfatica. Il caldo favorisce e velocizza la guarigione dei tessuti in caso di: dolori  cronici della schiena, dolori e forza muscolare, osteoartrite del ginocchio, osteortrosi del ginocchio, lesioni muscolari e tendinee. Il caldo risulta utile prima delle: sedute di chinesiterapia, massaggio o stretching, per migliorare l'ossigenazione muscolare, l'elasticità cutanea e muscolare, il rilassamento.


LO SHOCK TERMICO


È una forma di energia di provata efficacia biologica che somministrata in modalità controllata, secondo studiate combinazioni (alternanza caldo-freddo), consentono una rapida risoluzione del dolore ed un completo recupero funzionale in molti casi. I principali effetti dello SHOCK TERMICO: azione analgesica indiretta; incremento del microcircolo a livello del connettivo; facilitazione del reclutamento muscolare; azioni inibitoria sui trigger point; efficace incremento del circolo locale.

Lo Shock termico è indicato: stimolazione del microcircolo, lesioni della caviglia, lesione del ginocchio, tendinopatia del Tendine di Achille e lesioni muscolari. Il modello HC CRYO T-SHOCK, utilizzato nel Centro STATIC è uno strumento elettromedicale utilizzato in Terapia Fisica, nel campo Riabilitativo Sportivo e nel campo Medico Estetico per l'attivazione del microcircolo.

Torna su